Percorso professionalizzante per il Risk management in banca


In sintesi

Le conseguenze dell'attuale scenario di emergenza sui processi e le tecniche di gestione dei rischi sono il tema ricorrente che caratterizza la nuova edizione del percorso, finalizzato a fornire le principali conoscenze sull’architettura di vigilanza prudenziale e sui metodi per la misurazione e la gestione dei rischi. Il percorso di compone di 4 moduli per un totale di 9 giornate di formazione.

Target

Neoresponsabili e specialisti- dell'area risk management

Obiettivi

Il percorso trasferisce al partecipante le seguenti conoscenze:

  • Identificare i principali impatti dell’attuale contesto di emergenza sui rischi sottesi alle attività bancarie e finanziarie
  • Conoscere le principali evoluzioni dell’architettura di supervisione di vigilanza legate al MUV, al processo SREP e ai corrispondenti obblighi e responsabilità
  • Riconoscere le politiche aziendali di gestione dei rischi, definite nel RAF in coerenza con le strategie e gli obiettivi della banca
  • Acquisire gli schemi concettuali per integrare i processi di gestione rischi con quelli di pianificazione strategica e allocazione di capitale
  • Analizzare gli impatti dei rischi nella gestione del capitale e le peculiarità del processo integrato ICAAP_ILAAP
  • Identificare i principali modelli di valutazione e gli strumenti di monitoraggio dei rischi di primo pilastro: rischio di credito, rischio di mercato, rischio operativo
  • Identificare i principali modelli di valutazione e gli strumenti di monitoraggio dei rischi di secondo pilastro, in particolare del rischio di liquidità e del rischio di tasso di interesse del portafoglio di banking
  • Acquisire gli schemi concettuali per una gestione dei rischi volta alla minimizzazione dei costi e alla massimizzazione degli obiettivi risk-adjusted
  • Individuare gli elementi qualificanti il processo di composizione e allocazione del capitale
  • Acquisire le modalità per strutturare un risk reporting efficace in base ad obiettivi e interlocutori
Data
Seconda edizione dall'1 ottobre 2020
Sede
Aula virtuale, attraverso piattaforma dedicata, con possibilità di interazione real time con i docenti
Anno
2020
Richiedi informazioni

Modulo 1
L’ARCHITETTURA DI SUPERVISIONE IN MATERIA DI RISCHI E CAPITALE E IL RUOLO DELLA FUNZIONE RISK: SREP, ICAAP E CAPITAL MANAGEMENT IN BANCA
01/10/2020
02/10/2020
Modulo 2
RISCHI DI PILLAR I: CONCETTI DI BASE E FRAMEWORK REGOLAMENTARI SU RISCHI DI CREDITO E DI MERCATO
15/10/2020
16/10/2020
Modulo 3
RISCHI DI PILLAR I: CONCETTI DI BASE E FRAMEWORK REGOLAMENTARI SU RISCHIO DI LIQUIDITA E RISCHIO OPERATIVO
28/10/2020
29/10/2020
Modulo 4
PILLAR II, PILLAR III E RISK REPORTING: IMPLICAZIONI DI MISURAZIONE E GESTIONE
16/11/2020
18/11/2020
Test Finale
30/11/2020
30/11/2020

Le conseguenze dell'attuale scenario di emergenza sanitaria ed economica sui processi, i metodi, le tecniche di gestione dei rischi sono il tema ricorrente che caratterizza l'edizione 2020 del Percorso professionalizzante per il Risk management in banca, che già da alcuni anni sviluppa le principali conoscenze metodologiche e di ruolo di coloro che in banca operano nella gestione dei rischi.
Oltre alla particolare attenzione per gli impatti diretti e indiretti dell’emergenza sui rischi delle attività finanziarie, l’edizione 2020 del percorso considera le recenti evoluzioni delle normative di riferimento, le richieste delle Autorità di Vigilanza, le prossime tappe dell’innovazione regolamentare in corso.

 Il percorso si struttura in 4 moduli, per un totale di 9 giornate di formazione, a cui si aggiunge il test finale di verifica dell’apprendimento. Le finalità principali sono sia fornire una visione complessiva dei processi di supervisione e governo dei rischi in banca sia sviluppare le conoscenze tecnico-quantitative utili alla definizione di efficaci processi di presidio di tali rischi. 

A partire dall’analisi dell’architettura di supervisione in materia di rischi e capitale, il percorso approfondisce il ruolo e le competenze della funzione Risk Management nella misurazione e gestione delle principali tipologie di rischio che la funzione è chiamata a presidiare.

Gli iscritti al percorso hanno la possibilità di partecipare a una sessione finale di valutazione delle conoscenze acquisite per ottenere l’Attestato di professionalità in Risk management.

Elisa Isacco
e.isacco@abiservizi.it
06.6767.517